Crea sito

La mia avventura con Iliad

Bene, è tornato il momento di parlare di Iliad, l’ultimo operatore telefonico uscito in Italia neanche un mese fa.

Mi sono buttato in quest’avventura e ho deciso di approfittare subito dell’offerta che potete leggere nel nostro precedente articolo.

Partiamo subito con la cronologia del mio passaggio nell’operatore telefonico francese più gettonato del momento: ho effettuato l’iscrizione appena terminata la presentazione di apertura e quindi il giorno 29 maggio 2018.

Durante la fase di registrazione ho richiesto di avere la portabilità del mio vecchio numero e di passarmi anche il credito rimasto.

Non abito in una grande città quindi la ricezione della sim tramite Poste Italiane ha tardato ad arrivare.

A distanza di circa 10 giorni, e ben 2 chiamate al numero 177, finalmente la sim arriva.

Una volta ricevuto la “tesserina”, bisogna attivarla nel sito ed entrare nella pagina personale con i codici forniti direttamente da Iliad ed inviati tramite email.

Attivata, sono passati circa 7 giorni per poter vedere il mio vecchio numero di telefono ed il credito sulla nuova sim.

Nota sul credito: non dovete fare nulla di specifico, i soldi sulla vecchia sim arrivano automaticamente dal vecchio gestore, togliendo la parte che spetta a loro ( a me sono stati tolti 1,60€).

Detto questo, elencherò i pro e contro, fino ad ora rilevati nell’uso quotidiano, ed intensivo, della nuova sim:

Pro:

  • copertura intensa del 4G, nel peggiore dei casi sono arrivato al 3G; mai visto coperture inferiori.
  • Si parlava di un uso più alto dei GB a disposizione rispetto ad altre compagnie telefoniche, a me non è cambiato nulla rispetto a quando avevo altri operatori, quindi consumi uguali.
  • Chiarezza dell’operatore, tutto ciò che mi è stato riferito, è stato poi effettivamente fatto.
  • Tutti i passaggi sono gestibili online tramite sito ufficiale, alle volte basta solo fermarsi e leggere attentamente, in quanto il portale è molto semplice.
  • Possibilità di usare la ricarica dell’offerta tramite credito sim, per chi, come me, non sopporta l’addebito sul conto corrente.
  • Operatori del 177 gentili, non ho mai aspettato più di 10 secondi per parlare con uno di loro.
  • Le Iliad box all’interno dei centri commerciali, una sorta di bancomat che ti “sputa” fuori la sim nuova dopo l’iscrizione, sono una manna dal cielo per chi non ha voglia di aspettare la ricezione tramite corriere o postino.

Contro:

  • Ho rilevato un secondo circa di “distacco” tra la mia voce e la risposta del mio interlocutore durante le telefonate, niente di grave ma comunque sistemabile.
  • Al momento, non ci sono app ufficiali per la gestione dei propri contatori, bisogna andare tramite sito.
  • Rimanendo sulle app, ci sono solamente diverse scelte per Android come: Mobile Config, Portabilità Seriale, Segreteria Visiva, queste sono le uniche create direttamente da Iliad quindi ufficiali.
  • No, per iOs non c’è ancora nulla.

Attualmente la mia esperienza è risultata più che positiva, consigliata.

Quanti di voi hanno già fatto il passaggio?

Parliamone nelle nostre pagine social.

 

Aggiornamento del 30/06/18 con aggiunta di ulteriori considerazioni:

PRO: all’inizio della mia attivazione, a sim ricevuta, ho abilitato il blocco delle chiamate sconosciute, cioè quelle che non vi fanno vedere il numero di telefono nello schermo del vostro cellulare.

Dopo l’attivazione, dico la verità, mi sono completamente dimenticato di avere questa funzione in funzione fino a quando un numero mi ha chiamato due volte di seguito e, dopo il primo squillo la chiamata è stata interrotta automaticamente.

Funzione che ritengo estremamente comoda ed utile a chi, come me, non risponde alle chiamate anonime.

 

CONTRO: ho avuto modo di provare la connessione internet in un paese europeo (Croazia). Internet funziona a rate, a volte posso navigare correttamente altre volte, nonostante sia segnato il 3G sul display, non c’è connessione.

 

 

 

(Visited 458 times, 2 visits today)
Condividi con i tuoi amici
Translate »